(in sostituzione del Bonus Renzi)

A partire dal 1° luglio 2020 trovano applicazione le novità contenute nella L.21/2020 che ha introdotto il trattamento integrativo dei redditi (in sostituzione del Bonus Renzi) e l’ulteriore detrazione fiscale per redditi di lavoro dipendente e assimilati.
Il trattamento integrativo, che sostituisce dal 1° luglio il bonus Renzi di 80 euro, spetta qualora l’imposta lorda sia di importo superiore a quello della detrazione da lavoro dipendente e comunque per redditi fino a 28.000 euro.
L’importo riconosciuto è pari a 600 euro (a partire dal primo luglio) per l’anno 2020 e 1.200 euro a decorrere dall’anno 2021.
Il trattamento integrativo è rapportato al periodo di lavoro. I sostituti d’imposta lo riconoscono in via automatica suddividendolo tra le retribuzioni erogate a decorrere dal 1.07.2020 e ne verificano la spettanza in sede di conguaglio.
Tale trattamento integrativo spetta anche nel caso di incapienza derivante dalla fruizione degli ammortizzatori sociali previsti per l’emergenza da Covid-19.
L’ulteriore detrazione dall’imposta lorda, rapportata al periodo di lavoro, spetta in misura variabile decrescente ai contribuenti con reddito complessivo
-compreso fra euro 28.000 ed euro 35.000
-compreso fra euro 35.000 e fino ad euro 40.000
Si tratta di un primo passo molto importante verso un sistema più equo e progressivo che sigla l’impegno tra le parti di avviare un confronto che miri ad una vera riforma fiscale.
È infatti obiettivo primario della CGIL abbassare le tasse ai lavoratori ed estendere la riduzione fiscale ai pensionati attraverso una rimodulazione del sistema delle detrazioni con un occhio di riguardo ai lavoratori con figli
Ecco, in sintesi, come il bonus di 80 euro cambia faccia dal 1° luglio 2020 grazie al debutto del nuovo cuneo fiscale che trasformerà le agevolazioni IRPEF nella busta paga dei lavoratori dipendenti:
1.Chi già percepisce il “Bonus 80 euro”, cioè chi ha un reddito compreso tra 8.200 e 24.600 euro lordi annui, avrà diritto ad un ulteriore taglio delle imposte di 240 euro l’anno.
2.Chi ad oggi non lo riceve, o lo riceve solo parzialmente, cioè chi percepisce un reddito compreso tra 24.600 e 28.000 euro, avrà diritto ad un beneficio mensile fino a 100 euro.
3.Chi percepisce tra i 28.000 e i 35.000 euro godrà invece di una riduzione delle imposte di circa 80 euro mensili.
4.Chi ha una retribuzione annua compresa tra i 35.000 ed i 40.000 euro potrà usufruire di una detrazione che decrescerà gradualmente con il crescere del reddito fino ad azzerarsi.
Il Caaf CGIL PVA
730/2020
C’è ancora tempo per il TUO modello 730/2020!
Prendere un appuntamento al Caaf CGIL è semplice e veloce
con l’appuntamento web
oppure chiama il numero verde 800 17 11 11

#COMUNICATOSTAMPAPRIMO MAGGIO2020

COMUNICATO STAMPA

PRIMO MAGGIO: IN TUTTO IL PIEMONTE LA FESTA DEI LAVORATORI SARÀ CELEBRATA NELLE PIAZZE VIRTUALI DEI SOCIAL.

Quest’anno  le  limitazioni  imposte  dall’emergenza  sanitaria  non  permetteranno  di festeggiare  la  ricorrenza  del  1°  Maggio  con  le  consuete  iniziative,  prima  fra  tutte  i tradizionali cortei per le vie delle città.

Nonostante questo, in tutto il Piemonte Cgil Cisl Uil celebreranno la Festa del Lavoro nelle piazze virtuali dei social, per permettere comunque di vivere in modo collettivo questa giornata così significativa.

ALESSANDRIA – interviste ai tre segretari provinciali di Cgil Cisl CISL e UIL che vengono
trasmessi a rotazione durante tutta la giornata dall’emittente locale radio e tv Radio
Gold; interventi di funzionari di categoria e delegati su temi specifici (industria, scuola,
sanità,  commercio)  trasmessi  dalla  piattaforma  facebook  del  PD;  concerto  serale  di
gruppi emergenti (modalità coronavirus) di Novi Ligure con intervento dei tre segretari
provinciali Cgil Cisl Uil.

ASTI – venerdì 1° dalle ore 9.30 sulle pagine FB di Cgil Cisl Uil ci sarà un evento on line
che sarà possibile seguire in contemporanea anche sulla pagine Fb de La Nuova Provincia

https://lanuovaprovincia.it/economia-e-scuola/primo-maggio-cgil-cisl-e-uil-sul-web-

per-costruire-il-futuro/ Sarà  ospitato un dibattito per affrontare il tema  “Il lavoro in
sicurezza per costruire il futuro”. Ne discuteranno: Luca Quagliotti, segretario generale
Cgil  Asti,  Marco  Ciani,  segretario  generale  Cisl  Asti-Alessandria  e  Armando  Dagna,
segretario generale Uil Asti-Cuneo. Interverranno con il loro saluto il Sindaco di Asti,
Maurizio Rasero, e il Presidente Provinciale dell’Anpi, Paolo Monticone. Verrà, inoltre,
presentato il video “A(rti)STI 2020 per gli operatori sanitari”, già disponibile sui social,
con un’introduzione di Fiorella Carpino, ideatrice del progetto A(rti)sti 2020. La giornata
si concluderà con l’intervento di Alessio Ferraris, segretario generale Cisl Piemonte, a
nome di Cgil Cisl Uil.

BIELLA – collage di video-messaggi brevi di tutti i funzionari della Cgil  e slideshow di
immagini  storiche  su  manifestazioni  di  lavoratrici  e  lavoratori  biellesi con  sottofondo
della canzone dedicata al lavoro “Il telaio” del gruppo biellese “Arbej”. Tutto in loop dal
1° maggio sul sito, su FB e Twitter, canali social della Camera del Lavoro biellese.

CUNEO  – 1° maggio ore 10.00, i segretari provinciali di Cgil Cisl Uil depositeranno una
corona di fiori al Molino Cordero di Fossano, scelto come luogo simbolo della lotta per la
salute  e  la  sicurezza  di  tutti,  per  ricordare  e  coltivare  memoria  dei  tanti  morti  sul
lavoro, delle lavoratrici e dei lavoratori che operano in ambito sanitario morti di Covid-

19. Ore 17.00 sulla piattaforma Zoom incontro in video-conferenza sul lavoro al tempo della pandemia, protagoniste e protagonisti lavoratrici e lavoratori di tutti i settori, con una presenza significativa di rappresentanti della sanità, infermieri, medici, Oss, addetti alle pulizie negli ospedali e Rsa della provincia.

NOVARA  –  video-intervento  dei  segretari  generali  di  Cgil  Cisl  Uil  sui  social  delle organizzazioni sindacali.

VERCELLI – in mattinata cerimonia con i rappresentanti di Cgil Cisl Uil e il Sindaco per depositare fiori alla targa che ricorda la conquista delle 8 ore.

TORINO –  Per Torino e la sua area metropolitana la Festa del Lavoro è da sempre un
appuntamento importante,  ancora  di  più  in  questo  momento  di  emergenza  sanitaria,
economica e sociale da affrontare per molti mesi. Per essere presenti insieme in piazza,
seppure in modo virtuale, sono state predisposte alcune iniziative per vivere in modo
collettivo  questa  giornata.  In  collaborazione  con  l’ISMEL sono  state  realizzate  alcune
interviste a lavoratrici e lavoratori, che saranno postate sui profili social di Cgil Cisl Uil e
che rappresentano l’anteprima di un lavoro più completo sul tema  “Il lavoro al tempo
del coronavirus”. Alle delegate e ai delegati, alle iscritte e agli iscritti sarà chiesto di
scattare una foto, e condividerla sui propri profili social, con un cartello “Primo maggio
2020 e l’hashtag #ripartiamodalavoro”.

A livello nazionale da non perdere ovviamente due appuntamenti di grande rilevanza: dalle  ore 12.20  alle 13.00  edizione  straordinaria  del  TG3  dedicata  alla  Festa  dei Lavoratori, con intervista ai tre Segretari Generali, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo; dalle ore 20.00 alle 24.00, sempre su RAI 3, edizione straordinaria del Concertone con un evento televisivo, condotto da Ambra Angiolini, che terrà insieme le  riflessioni  dei  Segretari  Generali  Cgil  Cisl  Uil,  di  altre  personalità  italiane  e internazionali, di una decina di testimonianze di lavoratrici e lavoratori ed il contributo musicale di un cast di artisti di altissimo livello.

Torino, 29 aprile 2020                                                                         UFFICIO STAMPA

COMUNICATO 28 aprile: la prevenzione, la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro sono un diritto collettivo di tutti

Oggi è la giornata mondiale della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ma il 28 Aprile del 2020 è una ricorrenza ancora più carica di significato e di rilevanza.  Il primo pensiero della Filcams CGIL va a tutte le lavoratrici e i lavoratori che hanno perso la vita a causa del contagio dal virus COVID-19.

La Filcams CGIL dedica questa giornata alle lavoratrici ed i lavoratori del commercio, dei pubblici esercizi, delle farmacie, degli appalti di pulizie e sanificazione, della ristorazione commerciale e collettiva, della vigilanza, alle lavoratrici del settore domestico e tanti altri lavoratori del terziario che hanno garantito attività e servizi indispensabili per gli individui e per la collettività. Da quando è esplosa l’emergenza queste persone hanno lavorato per giorni o addirittura per settimane senza le adeguate misure e le dovute protezioni di sicurezza, e ancora oggi nonostante denunce, le iniziative e i confronti rileviamo misure organizzative carenti e mancanza di DPI.

Alla vigilia di quella che è chiamata la Fase 2, l’attenzione sulla salute e la sicurezza diventa un dovere imprescindibile che coinvolge tutti: Istituzioni, Politica, Organizzazioni Sindacali e Associazioni Datoriali. Accogliamo positivamente l’aggiornamento del protocollo per il contrasto e il contenimento della diffusone del virus, non ci possiamo permettere che il riavvio delle attività esponga lavoratrici e lavoratori a rischi evitabili di contagio, con la conseguenza che una nuova crescita della diffusione del virus ritarderebbe la ripresa stessa delle attività economiche.

La Filcams CGIL in questa occasione ribadisce che, come previsto e confermato dal recente protocollo, la ripresa e la prosecuzione delle attività può avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione. È quindi necessario utilizzare il patrimonio di esperienza fatta in tutte le imprese che sono rimaste aperte in questa prima fase per evitare di reiterare gli stessi errori e al contempo implementare e migliorare le misure di sicurezza e le iniziative di prevenzione nei luoghi di lavoro.

Mai come oggi la prevenzione, la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro sono un diritto collettivo di tutti.

Aumentiamo Le Difese per ripartire in sicurezza.

La salute e la sicurezza sono priorità assolute per tutte le lavoratrici e i lavoratori, ancora di più in previsione della fase che porterà alla riapertura graduale di molte attività.
Dovranno essere garantite misure organizzative straordinarie, la fornitura di dispositivi individuali di protezione (DPI) e regole di condotta precise e la Filcams sarà al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori del commercio, del turismo, e dei servizi, affinché tutto questo sia garantito in ogni luogo di lavoro.
Ora, più che mai, siamo dove siete e, ora più che mai, è importante ritrovarci e rinnovare la nostra forza.

LatuaForzaèCOLLETTIVA

SiamoDoveSei

#RipartiAMOdaQui

Ripartiamo da qui. Anche lontani, possiamo essere sempre vicini e affrontare le sfide che l’emergenza sanitaria ha presentato al mondo del lavoro.
La Filcams Cgil ha seguito costantemente i suoi settori in questi mesi difficili e continua a sostenere le lavoratrici e i lavoratori del terziario, del turismo e dei servizi per la garanzia dei dispositivi di protezione individuale, per le condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro, per il supporto economico e la garanzia del reddito in interi comparti fermati dalla pandemia e che avranno bisogno di maggiore gradualità per la fase di riavvio.
Ora, più che mai, siamo dove siete e, ora più che mai, è importante ritrovarci e rinnovare la nostra forza.
Ripartiamo da qui, e ripartiamo insieme.

LatuaForzaèCOLLETTIVA

SiamoDoveSei